Questa NON è una testata giornalistica

Cerca nel blog

Translate

idolatra Bergoglio ha annullato l'omaggio all'Immacolata

  Annullato l'omaggio all'Immacolata: il discusso magistero mariano di Francesco 

idolatra Bergoglio ha annullato l'omaggio all'Immacolata
Durissimo intervento di Mons. Carlo Maria Viganò, 

Andrea Cionci 

Storico dell'arte, giornalista e scrittore, si occupa di storia, archeologia e religione. Cultore di opera lirica, ideatore del metodo “Mimerito” sperimentato dal Miur e promotore del progetto di risonanza internazionale “Plinio”, è stato reporter dall'Afghanistan e dall'Himalaya. Ha appena pubblicato il romanzo "Eugénie" (Bibliotheka). Ricercatore del bello, del sano e del vero – per quanto scomodi - vive una relazione complicata con l'Italia che ama alla follia sebbene, non di rado, gli spezzi il cuore Vai al blog 

https://www.liberoquotidiano.it/articolo_blog/blog/andrea-cionci/25456669/8-dicembre-bergoglio-annulla-tradizionale-omaggio-a-immacolata-statua-piazza-di-spagna-maria-meticcia-solacium-migrantium-l.html
 

06 dicembre 2020 

Causa Covid, per l’8 dicembre, festa dell’Immacolata, Francesco farà saltare il tradizionale omaggio alla Madonna in piazza di Spagna compiendo, al suo posto, “un atto di devozione privata” come riferisce il Vaticano. Non si è voluto organizzare una celebrazione “senza concorso di popolo”, come pure avvenuto per altre occasioni. 

I malumori non sono mancati ed era prevedibile: in ambito cattolico, il rapporto fra la “nuova amministrazione” e i dogmi mariani è spesso causa di aspre contestazioni. 

Tutto partì nel 2014, quando, per l’Immacolata, su San Pietro furono proiettate non immagini sacre, bensì scimmie e altre bestie, facendo parlare di profanazione. Secondo Riccardo Cascioli, direttore della Nuova Bussola Quotidiana fu ”un successo per la lobby ecologista e anti-natalista che sta piegando la Santa Sede”. 

Ma soprattutto negli ultimi anni è emerso il particolarissimo magistero mariano di Bergoglio, il cui teologo di riferimento, Enzo Bianchi, da poco silurato (ma non per le sue “innovazioni teologiche”) sosteneva che Maria non fosse affatto vergine. E Bianchi, nel 2018, ha presieduto il ritiro spirituale mondiale dei preti ad Ars. 

Nell’omelia di Francesco del 12 dicembre 2019 per la Madonna di Guadalupe, si leggono una serie di diversi titoli per la Madonna: “Maria è donna, è Nostra Signora, Maria è Madre di suo Figlio e della Santa Madre Chiesa gerarchica” , ma non un cenno ai dogmi fondamentali come l’essere Vergine e Immacolata, meri “titoli filiali” dati dal popolo di Dio, secondo Bergoglio, per il quale Maria è soprattutto madre e discepola (come fra i luterani). Anzi, il titolo di Corredentrice - dopo un lungo processo, poi cassato da Francesco - sarebbe stato una “tonteria”, chiacchiera, sciocchezza. 

Si legge, piuttosto: “Maria è meticcia, donna dei nostri popoli, ma che ha meticciato Dio”. Un’ interpretazione del tutto inedita, che sembra quasi andare in direzione opposta al concetto di Mater “purissima”, che si recita nelle Litanie lauretane. 

A proposito: nelle stesse Litanie, Bergoglio ha inserito ex novo “Maria solacium migrantium”, “sollievo dei migranti” come se questi, peraltro in gran parte islamici, fossero una categoria di innocenti “a prescindere”. Anche in questo caso si sono registrate molte proteste. 

Ancora, pochi sanno che la Festa della Traslazione della Santa Casa di Loreto è stata abrogata da Bergoglio. San Nicola da Tolentino, che, insieme ai frati aveva giurato di aver visto gli angeli trasportare la casa natale di Maria, avrebbe dunque mentito? Una semplice leggenda, dunque? Eppure, il mistero è affascinante e del tutto irrisolto: è stato provato che la costruzione nel santuario lauretano combacia coi resti della dimora di Maria scavata nella roccia in Terra Santa, con pietre e tecniche costruttive dei nabatei dell'epoca, sconosciute in Italia. 

Secondo le dichiarazioni di Francesco, poi, “Maria ha educato male Gesù” e “se lo avesse educato meglio non sarebbe finito in croce”. Anzi, di fronte al Figlio morto, Maria si sarebbe così rivolta a Dio: ”Mi hai detto bugie, mi hai ingannata! Dicevi che gli avresti dato il trono di Davide e adesso lo vedo lì!”. Tuttavia, ai piedi della croce, la Madonna soffre, ma accetta in pieno la volontà di Dio. 

Polemiche asperrime ha poi suscitato l’intronizzazione in San Pietro della Pachamama, l’andina divinità pagana della terra, di cui molti hanno criticato il sincretismo con il culto mariano da lungo tempo portato avanti, soprattutto dai gesuiti, in Sudamerica. 

La minimizzazione di Maria è tipica non solo del Luteranesimo, ma anche del modernismo cattolico, del quale San Pio X diffidava (fino a scomunicarlo) sostenendo che “sotto le sembianze di una presunta scienza ecclesiastica moderna, è rimasto nella Chiesa per sovvertirla dall’interno sin dalle sue fondamenta”. 

La figura della Madonna è “strategica” ai fini dell’ortodossia cattolica, tanto che per i Padri della Chiesa: “Maria da sola ha vinto tutte le eresie”. Senza un parto virginale e quindi miracoloso, infatti, Cristo non era Figlio di Dio, ma un semplice profeta da interpretare a piacere. Insieme all’Eucaristia, il culto mariano è del tutto identificativo del Cattolicesimo e quindi sulla sua rigorosa preservazione si giocherà il futuro identitario della Chiesa di Roma. In una nuova, eventuale, religione mondiale, paventata da molti critici del nuovo corso, non ci sarà posto per la Madonna, per come la conosciamo, almeno. 

A dimostrazione di quanto su Maria si combatta un aspro conflitto in seno alla cattolicità, riportiamo in anteprima un intervento di Mons. Carlo Maria Viganò. 

VIRGO POTENS 

Nell’imminenza della festa dell’Immacolata 

Il ricco epulone della parabola (Lc 16, 19-31), dopo esser stato condannato all’inferno per non aver soccorso il povero Lazzaro, chiede ad Abramo di avvertire i suoi cinque fratelli dei supplizi ai quali egli era sottoposto, per evitare di cadere nello stesso peccato. Abramo gli risponde: «Se non ascoltano Mosè e i Profeti, neanche se uno risuscitasse dai morti saranno persuasi» (Lc 16, 31). 

Nostra Signora, nel corso della storia, è intervenuta come Madre amorevole per metterci in guardia circa le punizioni che gravavano sul mondo a causa dei suoi peccati, per invitare gli uomini alla conversione e alla penitenza, e per ricolmare i Suoi figli di innumerevoli grazie. Dove la Parola di Dio pare dimenticata, ecco la voce di Maria Santissima, ora per annunciare una particolare devozione, ora per chiedere sacrifici e preghiere per scampare pestilenze e flagelli. A Quito, a La Salette, a Lourdes, a Fatima, a Roma, ad Akita, a Civitavecchia e in mille altri luoghi la Mediatrice di tutte le Grazie ci ha ammonito richiamando l’umanità traviata dalla ribellione alla Legge divina ad un vero pentimento e alla recita del Santo Rosario. Ma se cambia il tempo e la circostanza delle Sua apparizioni, Colei che si degna di mostrarsi a noi poveri mortali è sempre la stessa, sempre Misericordiosa, sempre nostra Avvocata. 

A Fatima la Signora che apparve ai pastorelli chiese al Papa, in unione con tutti i Vescovi, di consacrare la Russia al Suo Cuore Immacolato: quell’appello rimane tuttora inascoltato, nonostante si siano concretizzate le sciagure che il mondo avrebbe dovuto affrontare se non avesse assecondato le richieste della Vergine Santissima. L’ateismo militante del Comunismo si è propagato ovunque, e la Chiesa è perseguitata da nemici spietati e crudeli, mentre è infestata da chierici corrotti e viziosi. Eppure, nonostante il riconoscimento dell’origine soprannaturale delle apparizioni e l’evidenza delle calamità che affliggono gli uomini, la Gerarchia si rifiuta di obbedire alla Madonna. «Se non ascoltano Mosè e i Profeti, neanche se uno risuscitasse dai morti saranno persuasi», dice Abramo al ricco della parabola. Possibile che costoro non sappiano ascoltare nemmeno la voce della Madre di Dio e Madre nostra? Cosa opprime il loro cuore, cosa ottenebra a tal punto la loro mente, da renderli sordi e ciechi, mentre il mondo sprofonda nell’abisso e tante anime si dannano? 

Nell’obbedienza alla Signoria universale di Cristo Re, noi accettiamo anche di venerare Maria Santissima quale nostra Regina. E quando invochiamo il Padre nostro con le parole «Sia fatta la tua volontà», sappiamo che questa volontà coincide perfettamente con la volontà della nostra Madre, modello di obbedienza e di umiltà che ha meritato di essere scelta dall’inizio dei tempi per generare nel Suo grembo virginale il Re dei re. Ogni desiderio della Madre di Dio è per noi un ordine: non occorre nemmeno concepirlo come comando, perché la nostra risposta e il nostro desiderio è – e dev’essere – quello di compiacerLa e di darLe prova della nostra fedeltà. E ciò vale eminentemente per i Sacri Ministri, che nel Sacramento dell’Ordine portano su di sé l’unzione sacerdotale del Sommo Sacerdote Gesù Cristo: Maria Santissima vede Suo Figlio in ogni sacerdote, che rinnova misticamente sull’altare il proprio Sacrificio. https://www.liberoquotidiano.it/articolo_blog/blog/andrea-cionci/25456669/8-dicembre-bergoglio-annulla-tradizionale-omaggio-a-immacolata-statua-piazza-di-spagna-maria-meticcia-solacium-migrantium-l.html


Addolora quindi, di un dolore sordo e lacerante, vedere l’indifferenza di tante anime consacrate e di tanti, troppi Vescovi nei confronti della Beatissima Vergine Maria; addolora e strazia il cuore sentir parlare lo stesso Bergoglio con tanta mancanza di rispetto per Nostra Signora, e apprendere che dopo aver egli drasticamente ridotto le celebrazioni papali per la scorsa Pasqua, ha pensato di approfittare del Covid per cancellare parte delle celebrazioni del Santo Natale e annullare il tradizionale omaggio all’Immacolata, il cui monumento svetta in Piazza di Spagna dal 1857. Così se ne va un altro pezzo di Roma, un’altra libbra di carne che il cinico mercante pretende di strappare alla vita dei Romani, quale prova di fedeltà alla dittatura sanitaria. 

La Chiesa dei Cattolici, la Chiesa che amano quanti si onorano del nome cristiano, è quella che non retrocede dinanzi all’autorità civile rendendosene anzi complice e cortigiana, ma quella che sopporta la persecuzione con coraggio e sguardo soprannaturale, sapendo che è meglio morire tra i più atroci tormenti piuttosto di offendere la Vergine Santissima e il Suo divin Figlio. È quella che non tace quando il tiranno sfida la Maestà di Dio, affligge i sudditi, tradisce la giustizia e l’autorità che la legittima. È quella che non cede dinanzi ai ricatti, né si lascia sedurre dal potere o dal danaro. È quella che sale il Calvario, quale Corpo Mistico di Cristo, per completare nelle proprie membra i patimenti del Redentore e con Lui risorgere trionfante. È quella che soccorre i deboli e gli oppressi con misericordia e carità, mentre si erge impavida e terribile dinanzi agli arroganti e ai superbi. Quando il Pontefice di quella Chiesa parlava, il gregge di Cristo udiva la voce consolante del Pastore, in una lunga serie di Papi unanimi e concordi nella professione dell’unica Fede. 

Viceversa, la cosiddetta “chiesa” di Bergoglio non esita a chiudere le chiese, arrogandosi l’empio diritto di negare a Dio il culto pubblico e di privare i fedeli della grazia dei Sacramenti per miserabile connivenza col potere civile. Essa umilia la Santissima Trinità al livello degli idoli e dei demoni con i sacrileghi rituali di una religione neopagana ; strappa la corona e lo scettro a Cristo Re, in nome del Mondialismo massonico; offende la Corredentrice e Mediatrice per non indispettire gli eretici Suoi nemici; tradisce il dovere di predicare il Vangelo in nome del dialogo e della tolleranza; tace e adultera la Sacra Scrittura e i Comandamenti di Dioper compiacere lo spirito del mondo;manomette le parole sublimi e inviolabili della Preghiera che Nostro Signore ci ha insegnato; profana la santità del Sacerdozio, cancellando nei chierici e nei religiosi lo spirito di penitenza e di mortificazione e abbandonandoli alle seduzioni del demonio; rinnega duemila anni di storia, disprezzando le glorie della Cristianità e l’intervento sapiente della divina Provvidenza nelle vicende terrene; segue zelante le mode e le ideologie, anziché plasmare le anime alla sequela di Cristo; si rende schiava del Principe di questo mondo, pur di mantenere prestigio e potere; giunge a predicare il culto blasfemo dell’uomo rifiutando i diritti sovrani di Dio. E quando Bergoglio parla, i fedeli sono quasi sempre scandalizzati e disorientati, perché le sue parole sono l’esatto opposto di quanto essi si aspettano di udire dal Vicario di Cristo. Costui chiede obbedienza alla propria autorità, nel momento in cui egli la usa per distruggere il Papato e la Chiesa, contraddicendo tutti i suoi Predecessori, nessuno escluso. 

Abbiamo la promessa di Maria Santissima: «Alla fine, il mio Cuore Immacolato trionferà». Inchiniamoci dinanzi a quel Cuore, che palpita di Carità purissima, perché riverberi la fiamma di quel santo amore su ognuno di noi; perché la fiamma che arde in esso illumini le nostre menti e le renda capace di cogliere i segni dei tempi. E se i nostri Pastori tacciono per pavidità o complicità, la moltitudine dei laici e delle anime buone ha l’occasione di compensare il loro tradimento e di espiare i loro peccati, invocando la misericordia di Dio che «ha soccorso Israele, suo servo, ricordandosi della sua misericordia» (Lc 1, 54). 

Oggi i sommi sacerdoti di questo moderno sinedrio oltraggiano Nostro Signore e la Sua santissima Madre, compiacenti servi dell’élite globalista che vuole instaurare il regno di Satana; domani essi si ritrarranno dinanzi alle vittorie della Virgo potens, che restaurerà la Santa Chiesa e darà pace e concordia alla società, grazie alla preghiera e ai sacrifici di tanti suoi figli umili e sconosciuti. 

Sia questo il nostro voto per l’imminente festa dell’Immacolata Concezione, con il quale onorare la nostra Signora e Regina. 

Carlo Maria Viganò, Arcivescovo 

1 Dicembre 2020 

Feria III infra Hebdomadam I Adventus

https://www.maurizioblondet.it/i-preti-di-pachamama/ 
PACHAMAMA HA GIA’ I SUOI PRETI 
Maurizio Blondet 26 Ottobre 2019 26 commenti 

L’entrata di Pachamama nella Chiesa ha trovato i suoi sacerdoti consacrati già pronti ad “accoglierla. 

  Don Luca Favarin accogliente, gaio e ricco coi soldi vostri 
Don Favarin, il prete anti-Salvini e pro-accoglienza che ha fatturato 2 milioni di euro con la sua cooperativa (video) 

Business accoglienza: il sacerdote anti-Salvini, don Luca Favarin, è presidente della cooperativa, Percorso Via Onlus, che gestiva 9 centri con 140 ospiti, 12 case aperte con altrettanto ospiti, due ristoranti, campi agricoli, una linea di confetture. Il buonista in tonaca ha incassato dai contribuenti 1.881.232 euro, nel 2016; 2.317.352 euro nel 2017, con un utile netto nel 2017 di 504.207 euro. Ma poi è arrivato il ministro Matteo Salvini che gli ha “tagliato” il business con i soldi degli italiani, ed ora gestisce “solo” 7 centri con 100 clandestini.

Don Albino Bizzotto difende zingaro 38 enne che ha messo incinta bambina di 13 anni 

https://vk.com/video541016762_456239477 



 

Il suo argomento: “Anche Maria aveva 13anni quando ha concepito…”. Nella vecchia religione cattolica, Maria è Vergine e concepì de Spiritu Sancto. Evidentemente Bizzotto crede invece che Maria concepì allo stesso modo in cui il suo 38 enne ha fatto concepire la sua 13 enne. Ecco il culto di Pachamama, la dea della fertilità, in tutto il suo splendore. 

 


“Prostrazioni davanti a oggetti non identificati”. Il Vaticano le trasmette in tv e poi le nega. Il papa: viva “Pachamama” 





….In pratica, il video di quelle prostrazioni – divenuto virale – è stato impugnato dalle sette pentecostali ed evangelicali come una prova di “idolatria” da scagliare contro la Chiesa cattolica e il papa. 

[…] 

Durante la cerimonia nei giardini vaticani papa Francesco rimase in silenzio, cancellando anche il breve discorso che era stato predisposto.


Un silenzio da lui mantenuto fino al tardo pomeriggio di questo 25 ottobre, quando la sala stampa vaticana ha diffuso la trascrizione di queste sbalorditive parole di papa Francesco, dette a braccio nell’aula sinodale: 

“Buon pomeriggio, vi vorrei dire una parola sulle statue della Pachamama che sono state tolte dalla chiesa nella Traspontina, che erano lì senza intenzioni idolatriche e sono state buttate al Tevere. 

“Prima di tutto questo è successo a Roma e come vescovo della diocesi io chiedo perdono alle persone che sono state offese da questo gesto. 

“Poi comunico che le statue, che hanno creato tanto clamore mediatico, sono state ritrovate nel Tevere. Le statue non sono danneggiate. 

“Il Comandante dei Carabinieri desidera che si informi di questo ritrovamento prima che la notizia diventi pubblica. Al momento la notizia è riservata e le statue sono custodite nell’ufficio del Comandante dei Carabinieri italiani. 

“Il Comando dei Carabinieri sarà ben lieto di dare seguito a qualsiasi indicazione che si vorrà dare circa la modalità di pubblicazione della notizia e per le altre iniziative che si vogliono prendere a riguardo, ad esempio, riferisce il comandante, ‘l’esposizione delle statue durante la Santa Messa di chiusura del Sinodo’, si vedrà. Io delego il Segretario di Stato che risponda a questo. 

“Questa è una bella notizia, grazie”. 

Quanto ai carabinieri, hanno diffuso un comunicato, rilanciato da Vatican News, nel quale informano che le statuine di Pachamama “erano utilizzate per la preghiera dall’Equipe Itinerante, gruppo cattolico con sede in Sudamerica che prende parte al Sinodo sull’Amazzonia”.


http://magister.blogautore.espresso.repubblica.it/2019/10/25/%e2%80%9cprostrazioni-davnti-ad-oggetti-non-identificati%e2%80%9d-il-vaticano-le-trasmette-in-tv-e-poi-le-nega/ 

 
IL VESCOVO – una figura esemplare 



“Abbiamo assistito con sgomento alle dichiarazioni rese da Mons. Vincenzo Paglia sulla figura di Marco Pannella (qui c’è il video, mons. Paglia da 4.35 in avanti ). 

Affermare di ‘Marco’ che “ha speso la sua vita in particolare per gli ultimi”, che ha lottato “per la difesa della dignità di tutti” è semplicemente falso. Auspicare lo spirito di “Marco ancora vivo e ispiratore di una vita più bella non solo per l’Italia, (ma) per questo nostro mondo” ci preoccupa profondamente”. 

Secondo le organizzazioni che hanno lanciato l’iniziativa “Le battaglie di Pannella e dei radicali sono state nel segno della cultura della morte: Contro la famiglia e il matrimonio indissolubile; Contro la vita nascente con l’aborto in tutte le sue forme; Contro la dignità del procreare, appoggiando la produzione dell’uomo con le tecniche di fecondazione extracorporea; Contro la dignità dell’uomo promuovendo varie forme di consumo di droga e liberalizzazione della stessa; Contro la dignità della sessualità matrimoniale promuovendo la contraccezione e le ideologie gay; Contro la vita nelle battaglie per l’eutanasia e il suicidio assistito””. 

RECENTEMENTE è emerso che Monsignor Paglia (guru della Sant’Egidio, fra l’altro) era nel consiglio d’amministrazione della Link Campus University, la “accademia delle spie” coinvolta nelle false accuse a Trump di essere un asset di Putin. Monsignor Paglia ha rassegnato le dimissioni in gran fretta quando le autorità USA hanno cominciato ad indagare…. 



Monsignor Paglia, grande amico di Matteo Renzi e di Pannella, è anche grande amico del “giudice” Palamara dello scandalo del Consiglio Superiore della Magistratura (a proposito: avete sentito più una sola notizia su giornali e tv? ), com risulta dalle intercettazioni: 




In realtà, Paglia guru di Sant’Egidio, è “un uomo abituato a farsi vedere ai vertici del Fondo monetario internazionale a Washington con Mario Draghi e Vittorio Grilli, un monsignore storicamente legato a Carlo Azeglio Ciampi e all’editore Carlo Caracciolo, nonché al banchiere Cesare Geronzi. Le sue frequentazioni con potenti vari e, in particolare, con Francesca Chaouqui, la Mata Hari delle Calabrie condannata a dieci mesi di reclusione (pena sospesa) dal Vaticano per rivelazione di segreti, consegnano l’immagine di un prelato, che sa muoversi alla perfezione nel potere mondano. E che sa ottenere tutti i soldi che vuole». 

a Milano, già dilaga il culto di Pachamama: 
Verso il Pride di Milano: alla Cattolica sta per nascere il primo collettivo di studenti Lgbt+ 
In poco più di un mese hanno raccolto quasi 400 firme. Ecco cosa chiedono i ragazzi di LGBcatT 

Di Giulia Riva Il logo dei sodomiti cattolici 

Alla Pinacoteca Ambrosiana, Cripta del Santo Sepolcro, espone Marina Abramovic: 

Il tema 

“The Kitchen. Homage to Saint Therese” – è un’opera molto significativa nella quale Marina Abramović si relaziona con una delle più importanti figure del cattolicesimo, Santa Teresa d’Avila. L’opera si compone di tre video…” Si notino, sotto gli strumenti per lo “spirit cooking”, il rito magico con cui la Abramovic si produceva nell’entourage di Hillary Clinton (vedi alla voce Pizzagate) 



L’esito finale e necessario del culto di Pachamam, illustrato dalla Abramovic: il carnaio. Perché l’ispiratore è “l’Omicida fin dal principio”. 
 

Viganò: la Chiesa di Bergoglio si Arroga l’Empio Diritto di Chiudere le Chiese.7 Dicembre 2020
Carissimi Stilumcuriali, pubblichiamo uno scritto sollecitato all’arcivescovo Carlo Maria Viganò da un collega dopo che si è avuta la notizia della cancellazione del tradizionale omaggio del Pontefice …Leggi tutto »

L’Italia col MES farà la fine della Grecia6 Dicembre 2020
DI FABIO CONDITI comedonchisciotte.org L’Italia con la riforma del MES che i paesi dell’Unione Europea stanno spingendo per approvare, rischia di fare la fine della Grecia, a …Leggi tutto »

Monsignor Viganò: “Ore decisive. Preghiamo, recitiamo il Santo Rosario, nutriamoci della Santissima Eucaristia, facciamo penitenza”6 Dicembre 2020
(MB. Monsignor Viganò ha perfettamente identificato l’ambiente dove è stata architettata l’Impostura omicida, e lo attacca per nome, unica personalità di rilievo a farlo in queste ore) by Aldo …Leggi tutto »

Riuscite a vedere il disegno coerente? Solo El Papa e la sua junta fanno finta di non vederlo. 

Qui occorre ripetere la preghiera a San Giuseppe scritta da Leone XIII dopo che ebbe la visione del Vaticano invaso dai demoni: 

Proteggi, o provvido Custode della divina Famiglia, l’eletta prole di Gesù Cristo; allontana da noi, o Padre amantissimo, la peste di errori e di vizi che ammorba il mondo; assistici propizio dal cielo in questa lotta contro il potere delle tenebre, o nostro fortissimo protettore …


E si sappia che questi non vinceranno. https://www.maurizioblondet.it/i-preti-di-pachamama/
























































































Questa NON è una testata giornalistica

Questa NON è una testata giornalistica

Obama moderate terrorists Biden

Obama moderate terrorists Biden
jihad Erdogan sharia ISIS UMMA

Questa NON è una testata giornalistica

L'Apocalisse già 2000 anni fa aveva parlato di questo

L'Apocalisse già 2000 anni fa aveva parlato di questo
Già è stato testato su una famiglia americana!

gloria ai carabinieri

gloria ai carabinieri
carabinieri

onore ai carabinieri

onore ai carabinieri
carabinieri